GDF, operazione "Festività sicure": maxi-sequestro di oltre 110.000 articoli natalizi pericolosi

1' di lettura 22/12/2022 - Nell’ambito delle attività finalizzate alla repressione degli illeciti in materia di sicurezza prodotti, con l’approssimarsi delle festività natalizie il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Grosseto ha intensificato le attività volte a preservare la salute e la sicurezza dei consumatori.

A seguito dei controlli eseguiti nei confronti di alcuni esercizi commerciali che esponevano in vendita articoli natalizi, i militari delle Compagnie di Follonica e di Orbetello hanno rinvenuto e posto sotto sequestro oltre 110.000 prodotti non sicuri, in quanto carenti dei requisiti e delle indicazioni minime di sicurezza per il consumatore, previsti dalle normative nazionali e comunitarie in materia.

L’indicazione di queste informazioni, come detto obbligatorie ai fini della regolare commercializzazione, fornisce al consumatore finale la giusta conoscenza della filiera di produzione e dell’affidabilità dei materiali adoperati per la realizzazione degli articoli, garantendo in tal modo la sicurezza per la propria salute nell’utilizzo del prodotto.

Le Fiamme Gialle hanno quindi proceduto a segnalare i titolari degli esercizi commerciali alla competente Camera del Commercio, per le conseguenti valutazioni sulle sanzioni da irrogare per le violazioni al Codice del consumo.

L’operazione rientra nel più ampio dispositivo messo in campo dalla Guardia di Finanza per la tutela della salute e della sicurezza di tutti i cittadini e per fornire una concreta risposta di legalità agli imprenditori onesti: contrastare la diffusione di prodotti non conformi rispetto agli standard di sicurezza significa contribuire a garantire una protezione efficace dei consumatori e un mercato competitivo ove gli operatori economici onesti possano beneficiare di condizioni eque di concorrenza.






Questo è un articolo pubblicato il 22-12-2022 alle 16:46 sul giornale del 23 dicembre 2022 - 42 letture

In questo articolo si parla di cronaca, arezzo, toscana, articolo, niccolò staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/dJ1q





logoEV
qrcode